Appartamento C.T. in Casa Ravera

2019 – Torino

Porta Palazzo appartiene al centro storico della città, ma conserva alcuni tratti caratteristici (forma urbana, storia, popolazione insediata, attività economiche) che la connotano come quartiere “popolare” a tutti gli effetti, con una forte identità e un forte senso di appartenenza.
Porta Palazzo però non è un “quartiere” dal punto di vista amministrativo, ma è un’area percepita in modo unitario grazie ad un fenomeno di fondamentale importanza cittadina: il mercato di Piazza della Repubblica.
Nel 1701 venne inaugurata la Porta Palazzo. Il primo impianto dell’attuale piazza della Repubblica nasce però all’interno della riforma urbanistica della cosiddetta “città vecchia” con il progetto dell’Architetto Filippo Juvarra, mentre la sistemazione definitiva dei contorni della piazza venne risolta intorno al 1830.

Dalla fine dell’800 uno dei mutamenti più significativi dell’area fu il completamento di corso Giulio Cesare e, per dare sbocco a questa grossa direttrice, la costruzione del ponte sulla Dora, ad opera dell’Ingegnere Carlo Bernardo Mosca, edificato dal 1823 al 1830; l’opera architettonica più ardita della Torino ottocentesca. A seguito della realizzazione del ponte Mosca seguirono diversi interventi su edifici privati e tra questi, dal 1879, la costruzione di Casa Ravera.

In casa Ravera, in Corso Giulio Cesare 14, sono stati progettati la ristrutturazione e l’arredamento dell’appartamento C.T., con le modificazioni dell’assetto planimetrico dell’unità immobiliare e la realizzazione su disegno degli elementi di arredo. Progetto dell’illuminazione. Progetto architettonico degli impianti tecnologici.

Impresa per le opere murarie e le decorazioni: Fercal_Torino; serramenti in legno: Tesio_Carmagnola; pavimenti in legno: Famà_Torino; impianti tecnologici delle ditte: Salvati_Torino, Chiale_Torino.